anello del monte Pietra Nera

 

Punto di partenza/arrivo: Grotta (440 m)

Lunghezza: 13,5 km

Dislivello: 650 m

Tempo: 3,40 h (soste escluse)

Altitudine massima: Monte Pietra Nera (677 m)

Percorso: Grotta – case Ranuzzi – monte Pietra Nera – case Pietra Nera – la Torre – case Casalino – case Faieto – case Lago Peroso – Grotta

Accesso: Dall’abitato di Salsomaggiore Terme si prende la strada provinciale per Pellegrino Parmense. Arrivati in località Ponte Grosso tenere la destra e proseguire per il paese di Grotta.

Escursione effettuata il 1 Maggio 2014:  Lasciamo la macchina nel parcheggio della chiesa di Grotta e ci avviamo sulla strada asfaltata che porta al paese di Besozzola, arriviamo ad un primo tornantino dove troviamo sulla nostra sinistra una sterrata con la segnaletica del percorso natura P9 che identifica il percorso che andremo a fare. Dopo un leggero strappetto arriviamo in località case Ranuzzi dove finisce la strada bianca, continuando la nostra camminata in mezzo ai prati, fino ad arrivare sotto la parete del monte Pietra Nera. Da qui con una breve deviazione di percorso si può arrivare all’attacco dell’omonima ferrata realizzata dal CAI di Fidenza. Proseguiamo addentrandoci nel bosco fino ad arrivare al lato sud dove cominciamo a salire incontrando alcuni tratti impervi addolciti da qualche gradino. Arriviamo quindi al bivio per la “cima”, con una breve deviazione arriviamo alla vetta del monte Pietra Nera contraddistinta da una croce di ferro. Spostandoci di qualche metro notiamo una singolare statua della Madonna posta su uno spuntone roccioso, nei pressi dell’arrivo della ferrata. Dopo qualche foto panoramica scendiamo verso il bivio dove questa volta proseguiamo dritti arrivando di nuovo sulla strada comunale che avevamo lasciato in precedenza. Continuiamo su strada asfaltata fino ad arrivare in località case Pietranera, superate le abitazioni troviamo sulla nostra destra il sentiero che scende in leggera discesa addentrandosi nel bosco. In poco arriviamo alla Torre, aggirandola sulla sinistra, proseguiamo fino ad arrivare al tratto più divertente dell’escursione, un breve tratto attrezzato con fune che ci permetterà di scendere un tratto impervio. Finita la discesa, arriviamo su una sterrata che ci conduce ad un primo guado, dopo averlo passato senza difficoltà continuiamo verso “la Colombaia”, non prima di aver guadato un secondo corso d’acqua, questa volta un po’ più insidioso. Continuiamo in salita costante in direzione case Casalino dove imbocchiamo la strada asfaltata che ci condurrà, sempre in salita, a case Faieto. Oltrepassiamo le poche case fino ad arrivare ad una maestà dove sulla sua destra prosegue il sentiero P9 che s’inoltra in leggera salita dentro al bosco. In questo tratto il percorso è mal segnalato e cerchiamo di continuare sulla traccia più battuta. Arriviamo finalmente fuori dal bosco proseguendo verso case Lago Peroso, qui per motivi di scarsa segnaletica, non vediamo il segnavia che ci avrebbe fatto passare per case Costello, infatti dopo aver costeggiato il lago finiamo sulla strada comunale che, in poco ci riporta a Grotta.

Panoramica del percorso:

 

Alcune foto tratte dall’escursione:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...